PHONONIC VIBES: LA START UP CHE PROMETTE DI SILENZIARE I MEZZI DI TRASPORTO

La particolare copertina di oggi è dedicata al progetto di Phononic Vibes, una delle 120 Start Up incubate dal Polihub del Politecnico di Milano, che ha l’ambizione di “silenziare” i mezzi di trasporto. Si tratta di una sorta di magic box che grazie al suo disegno è capace di assorbire suoni e vibrazioni. Ci racconta questo progetto l’amministratore delegato, Luca D’Alessandro.

Puoi spiegarci da dove nasce questa idea?
L’idea è nata durante il mio dottorato di ricerca presso il Politecnico di Milano. Sono state depositate due domande di brevetto che si focalizzano sull’utilizzo di meta-materiali per isolamento vibrazionale ed acustico. Per quanto riguarda lo specifico settore dei trasporti abbiamo sviluppato dei pannelli che vanno in trincea lateralmente rispetto al binario ferroviario (quindi interrati) che isolano le abitazioni adiacenti dal passaggio del mezzo. Le potenzialità di applicazione sono sia in ambito urbano che e xtra-urbano.

Quali sono le aziende che potrebbero acquistare il vostro prodotto? Con quali avete già preso accordi? Interesse da parte delle pubbliche amministrazioni?
In questo momento siamo in trattativa con i gestori delle reti ferroviarie locali per delle metrature di testing.

Quali potrebbero essere le ricadute positive che il vostro progetto potrebbe apportare a livello sociale? Si può parlare di un abbattimento totale dei decibel prodotti?
Sicuramente a livello vibrazionale c’è un beneficio sociale tangibile che si concretizza nella riqualificazione di abitazioni adiacenti all’infrastruttura ferroviaria. Riguardo l’emissione acustica stiamo sviluppando pannellature con prestazioni molto elevate e trasparenti per migliorare il comfort acustico.

Per quanto riguarda i costi?
Per quanto concerne i costi siamo allineati, se non più vantaggiosi, delle attuali soluzioni. Per 1 km si parla di circa 200 k€.

Quali sono i vostri progetti da qui a 5 anni?
Sicuramente portare a casa le prove che abbiamo iniziato con i partner locali, per poi espanderci all’estero. In questo momento abbiamo preso contatti con le sole ferrovie svizzere ma contiamo entro l’anno prossimo di contattare altri Paesi in UE.

I fondatori della start up sono:
– Luca D’Alessandro, 28 anni, ingegnere civile al Politecnico dove ha conseguito con lode il dottorato di ricerca, è amministratore delegato di Phononic Vibes srl da Luglio 2018. Nella sua attività di ricerca tra il Politecnico e il Massachusetts Institute of Technology Luca ha studiato meta-materiali per mitigare fenomeni di emissione vibro-acustica e su questo tema è co-autore di diverse pubblicazioni su riviste scientifiche internazionali.
– Giovanni Capellari, 29 anni, ingegnere civile al Politecnico di Milano dove ha conseguito con lode il dottorato di ricerca, è direttore operativo di Phononic Vibes srl da Luglio 2018. Nel suo dottorato di ricerca, Giovanni si è concentrato su algoritmi complessi di machine learning per ottimizzazione di disosizione di sensori per monitoraggio strutturale.
– Stefano Caverni, 25 anni, ingegnere civile con lode al Politecnico, ha sviluppato la sua tesi di laurea su meta-materiali per applicazioni in vibro-acustica ed è ora direttore tecnico di Phononic Vibes srl.

Pantecnica è orgogliosa di essere partner di Phononic Vibes

Leggi l’articolo su Mobility Press, numero 166 – 17 Ottobre 2018, pp. 5-6.

Leggi anche l’articolo apparso sul Corriere della Sera.

Leggi anche l’approfondimento su Poli360 e Phononic Vibes.

UN PERIPLO PER LA SALVAGUARDIA DEI MARI

One Ocean si presenta direttamente ai circoli velici per divulgare il comportamento ecosostenibile e la sottoscrizione della Charta Smeralda come presa di consapevolezza da parte del circolo e dei suoi soci, che si impegnano a rispettare ancor più il mare. L’imbarcazione Crivizza, uno sloop del 1966 completamente in legno, circumnavigherà le coste italiane, compiendo un viaggio ecosostenibile, a testimonianza diretta del rispetto del mare In ogni circolo, oltre ad un incontro istituzionale tra soci e autorità locali, si compiranno attività concrete: pulizia spiagge e adeguamento eco-friendly del circolo, attività che vedranno la partecipazione diretta di tutti i soci. 
Mauro Pelaschier sta compiendo il periplo d’Italia a vela come ambasciatore della Fondazione One Ocean, per testimoniare il rispetto degli ecosistemi marini e diffondere la Charta Smeralda. 

Le prossime tappe del periplo:
III. 20 luglio Abruzzo – Giulianova (Circolo Nautico V. Migliorini)
IV. 27 luglio Puglia – Bari (Circolo della Vela di Bari)
V. 3 agosto Calabria/Basilicata – Crotone (Club Velico Crotone)
VI. 10 agosto Sicilia – Catania (TBC)
VII. 20 agosto Sicilia – Palermo (Circolo della Vela Sicilia)
VIII. 24 agosto Lazio – Gaeta (Base Nautica Flavio Gioia)
IX. 2 settembre Sardegna – Porto Cervo/Arzachena
X. 14 settembre Toscana – Punta Ala (Yacht Club Punta Ala) 
XI. 22/23 settembre Liguria – Genova (Yacht Club Italiano) 
XII. Inizio ottobre Lombardia – Milano Expo Educational

Pantecnica® sostiene la Fondazione One Ocean e i suoi progetti insieme a:
Rolex – Allianz – Audi – Cantiere Porto Cervo – Carpisa – Jaked – Luxury Living Group – Marina di Porto Cervo – Pianoforte Group – Yamamay.

Leggi l’articolo completo

Potrebbero interessarti anche: 
– One Ocean Forum: J/70 Italian Class sigla la Charta Smeralda
– Centro velico Caprera fra i patrocinatori di Once Ocean Foundation e fra i firmatari della Charta Smeralda

CONCLUSIONE PERIPLO PER LA SALVAGUARDIA DEL MARE

Il 4 ottobre il Periplo per la salvaguardia del mare compiuto da Mauro Pelaschier, Ambassador della One Ocean Foundation è giunto al termine con un bilancio di grande successo. Partito il 29 giugno dalla sua Trieste, l’ex timoniere di Azzurra in America’s Cup ha compiuto il periplo della penisola a bordo di Crivizza, una barca a vela in legno del 1966, per sensibilizzare il pubblico sull’urgenza della salvaguardia del mare. Nel corso delle 12 tappe presso alcuni tra i più prestigiosi yacht club italiani, si sono radunate tante persone, non soltanto velisti, per ascoltare la testimonianza di un’icona della marineria italiana e informarsi sulle piccole azioni quotidiane che ciascuno può compiere per la tutela del mare. Prima tra tutte, la firma della Charta Smeralda, il codice etico emanato al termine del primo One Ocean Forum, svolto esattamente un anno fa per segnare il 50° anniversario dello Yacht Club Costa Smeralda. Durante il “Periplo”, Crivizza ha percorso circa 1500 miglia, la Charta Smeralda è stata sottoscritta da oltre 1000 persone e nelle 24 attività con scuole, circoli della vela, istituzioni, partner esterni; sono stati raccolti in mare e sulle spiagge oltre 350 chili di plastica. L’ultima tappa di navigazione è stata Genova, dove Mauro Pelaschier e One Ocean hanno ottenuto grande successo nella conferenza pubblica organizzata dalla Federazione Italiana Vela nell’ambito del Salone Nautico Internazionale, prima di partecipare alla ormai tradizionale regata Millevele e ormeggiare al pontile d’onore dello Yacht Club Italiano, primo firmatario della Charta Smeralda.

Pantecnica® sostiene la Fondazione One Ocean e i suoi progetti insieme a:
Rolex – Allianz – Audi – Cantiere Porto Cervo – Carpisa – Jaked – Luxury Living Group – Marina di Porto Cervo – Pianoforte Group – Yamamay.

© Pantecnica® S.p.A. | Via Magenta 77/14A - 20017 Rho (MI) | C.F. e P.IVA IT 06914490153 | Legal Notice | Privacy Policy | Cookie Policy